Digital Transformation

Nel percorso di trasformazione da semplice fornitore di tecnologia a partner strategico, il contributo della funzione IT alla pianificazione strategica delle iniziative di trasformazione del business aziendale diverrà sempre più significativo; il focus del CIO si sposterà dalla gestione di sistemi che supportano le operazioni aziendali alla realizzazione di sistemi che definiscono l’organizzazione. Il CIO dovrà pertanto espandere i propri modelli mentali per avere successo in questa pianificazione e trasformazione. Per decenni, il pensiero sistemico è stato il paradigma decisivo che ha guidato i dipartimenti IT incentrati sull’ingegneria nella progettazione di soluzioni. Andando avanti, nuovi paradigmi come Theory of Constraints dovranno essere compresi e intessuti nelle operazioni IT al fine di fornire una soluzione di successo per un’economia digitale iper-complessa.

Tradotto da Digital Business Transformation Strategy Needs a Change of Perspective – Gartner

La trasformazione digitale, è forse il più importante trend del nostro tempo, quasi una rivoluzione digitale.

E come tutte le e(ri)voluzioni, anche quella digitale può portare enormi vantaggi:

ridisegnare e semplificare i processi, ridurre le ridondanze e gli errori legati ad attività manuali non strategiche, migliorare l’integrazione tra tutti gli stakeholder aziendali, generare maggiore efficienza, miglior operatività, riduzione dei tempi e dei costi, utilizzando una combinazione di diverse soluzioni tecnologiche.

L’elenco delle soluzioni tecnologiche si allunga e si aggiorna quotidianamente con sistemi sempre più evoluti e integrati, secondo un approccio finalizzato a ragionare di massima convergenza tra sistemi e flussi informativi, che corrono attraverso le reti, passando dal Web: automazione, informatizzazione, virtualizzazione, cloud, mobile, Unified Communication and Collaboration, Internet of Things…. Tutto questo, con l’eventualità di coniugare il mondo offline con il mondo online, gestendo infrastrutture, sistemi, applicazioni e servizi in maniera estremamente più flessibile e dinamica, grazie alle nuove logiche dell’As a Service e del Pay per Use inaugurate dall’evoluzione sempre più spinta della virtualizzazione e del cloud.

Ma la e(ri)voluzione digitale può generare anche resistenza, opposizione, rifiuto, come accade per tutti i cambiamenti importanti, perche producono insicurezza, instabilità, timori.

Innestare percorsi di innovazione di questo tipo, per le grandi aziende come per le Pmi, significa rivedere i processi operativi interni e le modalità di interazione con i clienti e i fornitori, implica il dover progettare nuovi prodotti e servizi digitali, veicolati su nuovi canali online e offline, acquisire capacitaà di analisi dei dati digitali.

La nostra azienda è in grado di supportarvi in tutte le fasi del percorso di Digital Transformation e di Innovation, parallelamente alle vostre strategie di business aziendali.

I nostri professionisti, oltre alla pluriennale esperienza acquisita nell’implementazione dei percorsi di Digital Transformation di realtà aziendali di elevata complessità, possiedono anche una profonda conoscenza delle tecnologie di punta, oltre che una ottima conoscenza delle soluzioni del portafoglio Microfocus, leader di mercato nel settore.

Per affrontare con consapevolezza il processo di digitalizzazione della propria azienda, è indispensabile definire prima di tutto i propri obiettivi e poi pianificare accuratamente i vari step implementativi; le domande che devono porsi i CEO dell’azienda sono:

  • Che cosa significa digital transformation per la mia azienda?
  • Quali sono le priorità?
  • Dove veicolare gli investimenti che abilitano la business disruption?
  • Come sfruttare al meglio la consumerizzazione e l’omnicanalità degli utenti?
  • Come diventare fornitori digitali e capitalizzare l’innovazione?
  • Qual è il valore dei partner di canale nella supply chain digitale?
  • Perché l’industria 4.0 farà la differenza nel fatturato?

I sei pilastri della digital transformation

Di seguito i sei pilastri dell’evoluzione digitale, cioè gli ambiti tecnologici che abilitano la trasformazione digitale (e la disruption), in ambito aziendale.

1 – Automazione

La progressiva automazione del lavoro ha portato velocità, efficienza e riduzione degli errori

2 – Informatizzazione

L’evoluzione dell’hardware e del software hanno introdotto e potenziato una nuova intelligenza nel governo dei processi

3 – Dematerializzazione

La dematerializzazione ha innescato il circolo virtuoso dell’informazione, inaugurando nuove logiche di integrazione e di condivisione tra i lavoratori

4 – Virtualizzazione

Grazie a una programmazione software di nuova generazione, le risorse fisiche si trasformano in risorse logiche gestite da un unico cruscotto centralizzato

5 – Cloud Computing

Spostare la gestione dell’Hardware e del Software sulla Rete attraverso nuovi modelli di fruizione ed erogazione, ha inaugurato l’era dell’As a Service, del pay per use e dell’on-demand.

6 – Mobile

I dispositivi mobili potenziano la produttività individuale portando maggiore disponibilità e flessibilità nel mondo del lavoro.

error: Content is protected !!